Creare una foto panoramica

Di tanto in tanto qualcuno sottolinea come le pareti di casa siano spoglie, nel loro bianco pallore, e l'ovvia conseguenza è la necessità di acquistare dei quadri. Il problema dei quadri è che sono brutti; almeno quelli il cui prezzo non equivale ad un rene, s'intende.

In generale, le foto migliori sono quelle che ognuno scatta da sè: non contengono soltanto luoghi e colori, ma portano al loro interno i ricordi di un viaggio, le emozioni e gli stati d'animo del momento. Ci vorrebbe una guida che spieghi come si realizzano foto simili... ma non è questa. Scattare una bella foto è questione di capacità, prontezza e occasione (vedi anche: 78 Photography Rules for Complete Idiots).

Il problema dei quadri è che sono grandi. Le foto scattate con una macchina fotografica digitale, quando ingrandite in formati da 100x70cm (o più) spesso perdono definizione. A questo problema si pone una semplice soluzione: comporre diversi scatti in un'unica immagine.

 

panorama 360° Piazza San Donato a Pinerolo

Questo panorama copre 360° gradi in orizzontale; è stata composta con:

  • 22 foto;
  • due file di scatti: una inquadrando ad altezza d'uomo e una ad altezza Duomo  

C'è un panorama simile, ma di definizione decisamente inferiore, sul sito del Comune di Pinerolo, con scatti fatti durante una giornata di sole.

Piccola nota legale: in Italia non esiste la libertà di panorama; c'è dunque il divieto di riprendere edifici o opere d'arte che si trovano in luoghi pubblici il cui autore non sia deceduto da più di 70 anni. Ha perfettamente senso. Il Duomo è un'opera risalente almeno al 1044 il cui ultimo restauro risale al XIX secolo, quindi è possibile pubblicarne le foto.

 

Indice

 

Scattare

A. Effettuare diversi scatti.

Per creare una buona foto panoramica possono servire anche decine di scatti; bisogna tener presente alcune regole:

  1. Se avete un cavalletto, usatelo; non è indispensabile, ma aiuta.
  2. Ruotate la fotocamera intorno al punto nodale della lente.
  3. Scattando senza cavalletto, cercate di ruotare su voi stessi mantenendo la fotocamera sempre nella stessa posizione rispetto al corpo.
  4. Ogni immagine deve sovrapporsi alle adiacenti almeno del 50%; sovrapposizioni minori possono creare distorsioni prospettiche.
  5. Non bisogna per forza creare un panorama che copra 360°, ma più largo è l'arco coperto dal panorama e migliore è l'effetto finale.
  6. Le impostazioni della fotocamera devono restare uguali in tutte le foto (se non potete, mantenetele quanto più possibile simili); questo include il fuoco, l'esposizione, la velocità dell'otturatore, eccetera. È consigliabile impostare il bilanciamento del bianco su "manuale", per mantenerlo fisso.
  7. Evitate di fotografare oggetti in movimento ai bordi dell'inquadratura.
  8. Se sono presenti numerosi oggetti in movimento, effettuate gli scatti seguendo la direzione opposta a quella in cui si muovono gli oggetti, per evitare doppioni nell'immagine finale.
  9. Il formato JPG è adatto allo scopo, ma se ne avete la possibilità conviene usare il formato RAW (soltanto alcune fotocamere sono in grado di farlo).
  10. Se fotografate da vicino costruzioni molto alte, può essere necessario fare due file di scatti; effettuate i primi scatti inquadrando la parte inferiore e un secondo arco di scatti, nella stessa direzione del primo, inquadrando la parte superiore.

Nell'esempio mostrato in cima alla pagina, ho scattato senza cavalletto; in più stava iniziando a piovere (il cielo era di un solido grigio) e ho scattato le foto senza sovrapporle del 50% (se non in rari casi), ruotando nella stessa direzione in cui si muovevano il ciclista (davanti al Duomo) e la signora (sulla strada a destra del Duomo), con la fotocamera che cambiava impostazioni ad ogni scatto (questo modello non ha una modalità "manuale")... Uh... insomma teoria e pratica... ci vuole anche esperienza... ...state ancora leggendo? :)

Ritoccare (preproduzione)

Prima di collegare le foto, se necessario è possibile usare GIMP per correggere errori prospettici dovuti alle lenti, al tipo di fotocamera e al paesaggio ritratto. Nell'esempio, è chiaro che non ho effettuato questa parte.

Collegare

B. Creare i punti di controllo.

Installare Hugin su GNU/Linux è questione di una manciata di click: ad esempio è presente nei repository Debian, Ubuntu e Fedora. Per unire le foto sono sufficienti tre passaggi: scegliere le foto, allinearle, unirle.

Hugin possiede un sistema automatico di allineamento, ma impostare a mano i punti di controllo (immagine B) velocizza e migliora la fase di unione.

  1. Selezionate due immagini adiacenti;
  2. fate click su una immagine, su un dettaglio facilmente riconoscibile e a fuoco; ad esempio i cartelli stradali sono ottimi punti di riferimento;
  3. fate click sulla seconda immagine, più o meno nel punto che ritrae lo stesso dettaglio; non è necessario essere precisi al pixel, Hugin si occupa di analizzare le vicinanze del punto clickato e selezionare quello che più assomiglia al dettaglio selezionato nell'altra immmagine.


Ritoccare (postproduzione)

C. Fotoritocco: applicare un cielo sereno.
D. Fotoritocco: rimuovere piccoli ostacoli. O errori del fotografo

Dopo aver creato il panorama, è ora di procedere a qualche ritocco: nel mio caso si trattava di inserire un cielo azzurro e rimuovere alcuni doppioni. Nell'immagine D uso lo strumento "clone" di GIMP per nascondere dalla foto finale una delle due volte che ho inquadrato il ciclista. Con lo stesso sistema ho rimosso anche altri particolari in diversi punti del panorama, tra cui un cavo elettrico che non mi piaceva.

Condividere

E. Condividi: inserisci tag, geotag e una licenza libera.

Quando fate una bella foto, mostratela a tutti! Usate i tag per facilitare la ricerca e segnalate sulla cartina il luogo dove è stata scattata. Non dimenticate di usare una licenza libera. L'esempio in cima alla pagina è visibile su Flickr (bassa definizione) e su Wikimedia Commons (alta definizione).

Stampare

Finalmente siamo al punto cruciale! Esistono tanti siti dove caricare le proprie immagini da stampare in grande formato. Sulla quarta di copertina di LinuxPro di agosto c'è la pubblicità di FotograficART, ma potete rivolgervi senza problemi alla tipografia più vicina a casa vostra.

Collegamenti esterni

Software
Approfondimenti